Blog: http://Outlines.ilcannocchiale.it

Non c'è niente di peggio delle promesse

Chiunque dica che è a favore dello sviluppo delle piccole e medie imprese e dei professionisti sta facendo campagna per avere attorno a sè una manica di piccoli imprenditori che focillino economicamente il prorio "impegno" politico.

La presunzione dell'ignoranza consiste nella loro esistenza sul mercato politico da illo tempore.

Di fatto fanno in modo di commissionare lavori utili alla causa e decidere di pagare a 60 o addirittura a 90 giorni dopo l'emissione e il ricevimento di fattura da parte del fornitore.
A questo punto chi ha eseguito i lavori si trova ad affrontare numerose difficoltà.

Il termine di pagamento fattura è di 30 giorni dal ricevimento della stessa, fatta eccezione per i rapporti commerciali con i consumatori finali.

Riguardo alla decorrenza del termine di pagamento, evidenziamo che questo inizia a decorrere rispettivamente:


Qualche anno fa il Parlamento Europeo emanò tale accordo tra gli Stati che dovevano conformarsi alle nuove norme entro il 2012: Nelle relazioni "business to business", sarà possibile estendere il limite previsto di 30 giorni a 60 solo se le parti sono d'accordo e se previsto espressamente dal contratto.
L'estensione è possibile anche oltre i 60 giorni se "espressamente concordata" col creditore nel contratto di vendita e se non risulta essere "fortemente ingiusta" nei confronti dello stesso creditore.

Il Parlamento ha spinto con successo il Consiglio ad accettare un tasso d'interesse legale di almeno l'8%. Il creditore avrà anche il diritto di ottenere dal debitore una somma di almeno €40 per coprire i costi di recupero del debito.

Il periodo necessario per la verifica che i beni e i servizi venduti corrispondano ai termini previsti nel contratto è stato fissato a 30 giorni. Il periodo può essere esteso nel caso specifico di contratti complessi, ma solo se tale possibilità è espressamente concordata e se non è "fortemente ingiusta" verso il creditore.

Pubblicato il 20/9/2012 alle 12.56 nella rubrica Riflessioni politiche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web